30/10/2020 - La Commissione presenterà il pacchetto per l’Ue della Salute l'11 novembre.

Pronte le contromisure comunitarie per scongiurare un 2° lockdown totale. La commissaria Kyriakides: “Siamo in mezzo alla tempesta, ma stiamo costruendo un’Europa più sicura".
 
Mercoledì 11 novembre la Commissione europea adotterà un pacchetto di iniziative "per stabilire i primi elementi costitutivi di un'Unione europea della sanità". E' quanto si legge nella Comunicazione sulle misure addizionali anti-Covid, pubblicata oggi. La Commissione vuole ampliare i mandati dell'Ecdc e dell'Ema, e proporre un approccio comprensivo alla preparazione, sorveglianza e risposta alle gravi minacce sanitarie transfrontaliere, come il Coronavirus.
 
Le proposte non riguarderanno solo le politiche sanitarie ma anche i trasporti, con misure per meglio integrarli nelle emergenze. La piattaforma servirà a monitorare le strategie nazionali di vaccinazione man mano che vengono attuate e informerà i cittadini tramite campagne di comunicazione. Per i trasporti previsti inoltre il prolungamento dei dazi e iva zero per import materiale medico fino ad aprile 2021.
 
Bruxelles ha inoltre ribadito l'invito ai Paesi membri a condividere dati, utilizzare il sistema Ue per le app, notificare le strategie nazionali sui test entro metà novembre. "La situazione del Covid-19 è molto grave. Dobbiamo intensificare la nostra risposta dell'Ue". Così la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. "Invito gli Stati membri a collaborare strettamente. Misure coraggiose intraprese ora aiuteranno a salvare vite umane. Nessuno Stato membro uscirà in sicurezza da questa pandemia fino a quando non lo faranno tutti".