28/07/2020 - Recovery fund, quali sono i piani di Francia, Spagna e Germania?

Sanità e lotta alla disoccupazione sono il focus degli interventi degli Stati membri.
 
Germania, Francia e Spagna sono (insieme all'Italia) gli Stati membri  che hanno diritto a maggiori risorse provenienti dal Recovery fund. Insieme percepiscono circa 254 miliardi di euro dei 390 miliardi di sovvenzioni previsti dal contenitore Next Generation EU di 750 miliardi. Per tutti, questi soldi andranno spesi con criterio, in modo da evitare sprechi e con riforme vere, in grado non solo di far ripartire l’economia ma di renderla produttiva anche negli anni a venire. 
 
A Berlino il governo Merkel deve ancora definire il piano d’azione definitivo, ma è già stato stabilito lungo quali priorità ci si dovrà muovere per utilizzare i 47,2 miliardi di euro ottenuti in occasione dell’ultimo vertice del Consiglio europeo. Di questi la maggior parte – 41, 9 miliardi – provengono dal fondo per la ripresa. Sanità e sostenibilità le parole d’ordine della Germania, che in questi due settore intende investire buona parte della propria quota. L’esperienza del Coronavirus, che ha messo in evidenza la dipendenza europea dai Paesi terzi, ha spostato l’attenzione dei tedeschi sulla necessità di maggiori investimenti per l’industria medica. Si intende utilizzare parte dei fondi per la realizzazione dei dispositivi di protezione, di cui si dipende troppo dalla Cina.
 
Alla Francia spetta un totale di 50,6 miliardi di euro di garanzie, di cui 44,5 nel solo fondo per la Ripresa. E’ intenzione dell’Eliseo svelare il piano più in dettaglio a fine agosto, ma intanto sono state anticipate le grandi linee di intervento. Sostegno all’industria e transizione sostenibile le principali scelte della presidenza francese. Si intende finanziare un piano nazionale per la ripresa da 100 miliardi di euro in totale, coperto in parte dai 40 miliardi di garanzie comuni. Accanto al sostegno alle imprese e agli stimoli per l’innovazione trovano un ampio spazio le misure per l’occupazione. Parigi intende investire circa 20 miliardi in politiche per la creazione di lavoro giovanile, e in riqualifica professionale di quanti hanno sono rimasti disoccupati a causa della pandemia di Covid-19. Previsti infine aiuti alle famiglie a basso reddito. Nell’agenda sostenibile francese, trovano spazio l’isolamento termico degli edifici e degli ospedali, oltre a investimenti nell’idrogeno. 
 
Per risorse complessive, la Spagna è il 2° beneficiario delle sovvenzioni previste da Next Generation Eu. Il governo di Pedro Sanchez può fare affidamento su più di 71 miliardi di euro. I primi elementi che emergono mostrano una certa affinità con Francia e Germania. Più sanità è una delle parole d’ordine dell’esecutivo spagnolo, dove il governo punta anche a politiche a sostegno del lavoro. Si ragiona, in particolare, alla promozione della transizione verso contratti a tempo indeterminato, alla semplificazione degli incentivi alle assunzioni, al miglioramenti dei centri per l’impiego. Interesse anche per la ricerca, che scontra bassi livello d’investimento, e l'innovazione.