01/09/2023 - Eurostat: inflazione in Eurozona rimane stabile al 5,3% ad agosto.

Prosegue ad agosto il rallentamento dell'inflazione, stabile rispetto a luglio.
 
L'inflazione annuale dell'area dell'euro è attesa al 5,3% nel mese di agosto, stabile rispetto a luglio, secondo una stima flash di Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione Europea. Si prevede che i prodotti alimentari, alcolici e tabacco avranno il tasso annuo più alto ad agosto (9,8%, rispetto al 10,8% di luglio), seguito dai servizi (5,5%, rispetto al 5,6% di luglio). Sopra la media l’Italia al 5,5%, la Francia al 5,7% e la Germania al 6,4%. Tra le principali economie del blocco, la Spagna e il Belgio ottengono il risultato migliore, con un tasso di inflazione al 2,4%.
 
Eurostat prevede che il cibo, l’alcol e il tabacco avranno il tasso annuo più alto (9,8%, rispetto al 10,8% di luglio), seguito dai servizi al 5,5% e dai beni industriali non energetici al 4,8%. Continua, anche se meno sostenuto, il calo dei prezzi dell’energia, con un tasso annuo di inflazione per il mese di agosto del -3,3%, rispetto al -6,1% di luglio.
 
In calo rispetto a luglio del 2022, ma stabile rispetto a giugno 2023, il tasso di disoccupazione nei 27 Paesi Ue. Un anno fa era del 6,1%, oggi è al 5,9%. Secondo le stime di Eurostat sarebbero 12,928 milioni i disoccupati in Ue, 35.000 in più rispetto al mese precedente. Di questi, 10.944 milioni di disoccupati sono nell’Eurozona. Vista in un orizzonte annuale, il numero di disoccupati in Ue è diminuito di 209.000 da luglio 2022 e di 264.000 nell’area dell’euro. Il tasso di disoccupazione giovanile è stato invece del 13,9% nell’Ue, in calo rispetto al 14,2% di giugno.