11/01/2022 - Eurostat, a novembre tasso di disoccupazione al 7,2%.

In Italia cala al 9,2%, ma resta il terzo tasso più alto Europa dopo Spagna e Grecia.
 
Prosegue il calo della disoccupazione in Eurozona: a novembre è scesa al 7,2%, rispetto al 7,3% di ottobre. In calo anche nell'Ue nel suo insieme, al 6,5% (dal 6,7% di ottobre). A novembre 2020, era rispettivamente all'8,1% e al 7,4%.
 
Sempre a novembre il tasso di disoccupazione giovanile si è attestato a 15,5% nella zona euro e al 15,4% nella Ue-27, in calo rispetto a ottobre, quando erano rispettivamente al al 15,8% e al 15,6%. Eurostat stima che 13.984 milioni di uomini e donne nell'Ue, di cui 11.829 milioni nella zona euro, erano disoccupati a novembre 2021. Nello stesso mese, 2.842 milioni di giovani (sotto i 25 anni) erano disoccupati nell'Ue, di cui 2.313 milioni nell'area dell'Euro. Un anno prima, ad novembre 2020, era al 18% nell'Eurozona e al 17,7% nell'Ue.
 
Anche in Italia si registra una flessione del dato: la disoccupazione è riscesa al 9,2% e ai livelli di settembre, dopo la crescita in controtendenza al 9,4% vista a ottobre, e resta ai livelli più alti in Europa dopo Spagna e Grecia (entrambe in calo al 14,1% e 13,4%).  In calo anche la disoccupazione giovanile in Italia: a novembre è scesa al 28% dal 28,2% di ottobre. Anche in questo caso, resta il tasso più alto dopo Grecia e Spagna, dove la disoccupazione tra i giovani sotto i 25 anni si è attestata rispettivamente al 39,1% (in aumento rispetto al 32,8 di ottobre) e 29,2% (in calo rispetto al 30,2% di settembre).