02/09/2021 - Recovery fund, Dombrovskis: a dicembre prevista prima verifica dei target per l'Italia.

Attese garanzie da Polonia e Ungheria. Paesi Bassi e Bulgaria devono presentare ancora il proprio Pnrr a Bruxelles.
 
A dicembre potrebbe esserci un nuovo esborso a favore dell’Italia nel quadro del Recovery Plan, ma questo potrà avvenire solo a condizione che gli obiettivi posti per i prossimi mesi siano rispettati. Lo ha spiegato il vice presidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis parlando alle commissioni riunite Bilancio ed Economia del Parlamento europeo, insieme al commissario Paolo Gentiloni.
 
“Il Consiglio ha approvato i piani di 18 Paesi sui 25 che sono stati presentati, 9 di questi hanno già avuto un pre-finanziamento". Nei prossimi mesi - ha specificato Dombrovskis - "ci saranno nuove richieste di pagamento, tra le quali quella dell’Italia, prevista a dicembre, e per dare il via libera dovremo verificare il rispetto dei tempi dei primi interventi, il raggiungimento degli obiettivi”. Domborvskis ha poi insistito sul fatto che “i controlli e il monitoraggio sugli interventi sono fondamentali per il successo del piano di ripresa".
 
Il vicepresidente ha parlato anche dei Paesi i cui piani non hanno ancora ricevuto il via libera di Bruxelles. "La Commissione spera di arrivare a una decisione positiva sui Pnrr ancora non approvati", ma "Ungheria e Polonia devono garantire che i loro piani siano in linea con i requisiti per un giudizio positivo". Il commissario ha inoltre ricordato che solo Bulgaria e Paesi Bassi devono ancora presentare i rispettivi piani di ripresa e resilienza. "Ci aspettiamo di riceverli presto", ha concluso.