07/06/2021 - Wto, Ue avanza la proposta di stop alle restrizioni sull'export dei vaccini.

Bruxelles raccomanda ai governi, tra l'altro, di "facilitare l'uso delle licenze obbligatorie all'interno del vigente accordo TRIPS.
 
 
Garantire che non ci siano restrizioni all’esportazione dei vaccini, espansione della capacità produzione delle aziende farmaceutiche a breve termine - anche attraverso impegni da parte di produttori e sviluppatori di vaccini - ma soprattutto facilitazione per l’uso delle licenze obbligatorie nel quadro l’accordo TRIPS (Trade Related aspects of Intellectual Property Rights) dell’Oms. Sono queste le 3 proposte che l'Ue ha avanzato al Wto per un piano d’azione commerciale multilaterale per espandere la produzione di vaccini e anche terapie per il Covid-19 e per “garantire un accesso universale ed equo".
 
Nel dettaglio, l'Ue ha preparato 2 comunicazioni, una destinata al Consiglio generale e l'altra, più specifica e dettagliata, destinata al Consiglio Trips del Wto, che tratta delle questioni legate alla proprietà intellettuale dei vaccini (e dei farmaci) e che verrà presentata ufficialmente per essere discussa a Ginevra già "la settimana prossima", spiega un alto funzionario a Bruxelles.
 
"Il problema principale in questo momento riguarda la mancanza di capacità produttive - ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis - l'obiettivo deve essere quello di garantire che qualsiasi capacità produttiva disponibile e adeguata in qualsiasi parte del mondo venga utilizzata per la produzione di vaccini".