10/06/2020 - Eurostat: nel I trimestre 2020, l'Italia ha registrato il maggior calo Pil in Ue.

Primato condiviso con la Francia. Il dato iè calato del 3,6% nella zona euro e del 3,2% nell'Ue-27 rispetto al trimestre precedente.
 
Come riporta l'analisi di Eurostat, nel I trimestre del 2020 l'Italia e la Francia hanno subìto il maggiore calo del Pil in Europa (-5,3%). Il Pil europeo è calato del 3,6% nella zona euro e del 3,2% nell'Ue-27 rispetto al trimestre precedente. L'istituto di statistica ha rivisto leggermente al rialzo la stima flash del 30 aprile (-3,8% nell'eurozona, -3,5% nell'Ue).
 
Nel IV trimestre del 2019 il Pil era aumentato dello 0,1% sia nell'eurozona che nell'Ue a 27. Rispetto al I trimestre dello scorso anno, il Pil è calato del 3,1% nella zona euro e del 2,6% nell'Ue, in seguito alle conseguenze causate dal Coronavirus. Dopo quello di Italia e Francia, il secondo maggiore crollo del Pil si è registrato in Spagna e Slovacchia (-5,2%). Gli unici Paesi Ue (i dati del Lussemburgo non sono disponibili) in cui si è verificata una crescita nel I trimestre sono Irlanda (+1,2%), Bulgaria, Romania (+0,3% ciascuno) e Svezia (+0,1%). 
 
Sempre nel I trimestre 2020, il tasso di occupazione è sceso dello 0,2% nella zona euro e dello 0,1% nell'Ue rispetto al trimestre precedente. Si tratta del primo calo dal secondo trimestre 2013 per l'eurozona e dal primo trimestre 2013 per l'Ue. Nell'ultimo trimestre 2019 c'era stato un aumento dello 0,3% nella zona euro e dello 0,2% nell'Unione. Il maggiore crollo si è registrato in Spagna (-1%) e Bulgaria (-0,9%). In Italia il calo è stato dello 0,3%.