12/03/2018 - Dazi: l'Ue vuole essere esclusa da esenzioni, lavoro sui negoziati.

La commissaria europea al Commercio Cecilia Malmstroem ha chiesto a Washington l'esezione dalle tariffe doganali su acciaio e alluminio
 
L'Europa sia esentata dai dazi su acciaio e alluminio. Sono queste le intenzioni della commissaria europea al Commercio Cecilia Malmstroem, che insieme al ministro giapponese per l'Economia, ha incontrato sabato 10 marzo, il rappresentante Usa per il commercio estero Robert Lighthizer.
 
Malmstroem è stata chiara, come si legge nel suo tweet: "Essendo stretto partner sulla sicurezza ed il commercio degli Usa, l'Unione europea deve essere esclusa dalle misure annunciate". I negoziati continueranno senza sosta nei prossimi giorni al fine di far scattare le "esenzioni" di cui lo stesso Trump ha parlato; mentre in un altro tweet, Trump evoca la possibilità di arrivare a un accordo se l'Europa a sua volta rinuncerà alle tariffe che gravano su alcuni prodotti statunitensi.
 
 
Il presidente Usa è infatti tornato a minacciare una guerra commerciale all'Unione Europea sostenendo - come aveva fatto qualche ora prima su Twitter - che potrebbe tassare le auto europee se l'Ue reagirà ai dazi imposti all'import in Usa di alluminio e acciaio. E rivolgendosi direttamente a Bruxelles, ha proseguito: "Aprite le dogane e abolite i vostri dazi, e se non lo fate, tasseremo la Mercedes Benz, tasseremo le Bmw. Le auto sono un grosso affare".
 
La risposta sulle esenzioni, per ora non è arrivata e la prossima settimana si continuerà a trattare della possibilità su di esse che lo stesso tycoon ha preannunciato per i Paesi amici e che al momento riguarderanno di certo solo Messico, Canada e Australia.