13/02/2018 - Mogherini: "Ue può diventare superpotenza della Difesa. Investiremo 1,5 mld all'anno".

Italia può dare contributo importante. "Un'opportunità per investire e crescere insieme".
 
"Se prendiamo i bilanci per la difesa di tutti i paesi dellʼUe, uniti siamo la seconda potenza di difesa al mondo. Insieme spendiamo più o meno il 50% di ciò che spendono gli Usa, ma in termini di risultato, produciamo solo il 15% di quello che producono gli americani. Questo è il gap che dobbiamo colmare". Così l'Alto rappresentante dell'Ue Federica Mogherini in occasione della presentazione del Rapporto 2018 di ItaliaDecide sulle tecnologie duali, civile e militare, alla Camera dei deputati.
 
"Se investiamo ognuno per conto proprio, non sfruttiamo le economie di scala". Ma "se superiamo la nostra frammentazione e se investiamo nellʼessere Unione, siamo una superpotenza". In questo quadro l'Italia,"può essere uno dei paesi motore di questo nuovo progetto europeo", ha evidenziato Mogherini.
"Unʼopportunità per investire insieme - sottolinea - per innovare, per creare occupazione, per dotare i nostri militari delle tecnologie più allʼavanguardia. Per costruire insieme la sicurezza del nostro continente.
 
Mogherini ha ricordato che l'obiettivo di Bruxelles è arrivare a 1,5 miliardi di euro di investimenti in difesa all’anno dal 2021. Il Fondo europeo per la difesa costituito dalla Commissione Ue stanzia 90 milioni all’anno per la ricerca fino al 2019, con la previsione di arrivare salire a 500 milioni a partire dal 2020. A queste risorse si aggiungeranno 500 milioni nei prossimi 2 anni per lo sviluppo e l’acquisizione di tecnologie, che diventeranno 1 miliardo dal 2020.
 
Sono 3 i nuovi strumenti per perseguire gli obiettivi della Difesa Ue: “il Fondo europeo per la difesa”; la revisione annuale coordinata dei budget nazionali per le spese militari; la cooperazione strutturata permanente. Gli strumenti ci sono e “adesso devono essere sfruttati al meglio”, ha indicato l’esponente della Commissione Ue.